L’apprendimento induce modificazioni anatomiche

Attorno al 1860 si scoprì l’esistenza di una rappresentazione corporea per tutti i muscoli; c’era anche una rappresentazione della superficie corporea relativa alla sensazione tattile, per tutti i recettori che innervano le mani, le braccia e la superficie del nostro corpo. Continua a leggere…