Un team capace di volare

“Se vuoi avere ciò che non hai mai avuto, devi fare ciò che non hai mai fatto”: con questo aforisma è stato promosso il corso di Teambuilding tenutosi pressò la Locanda Solarola di Castel Guelfo il 5 e 6 ottobre 2012 al quale hanno partecipato i componenti del Consiglio Direttivo dei Giovani di Unindustria Bologna, insieme ad alcuni giovani iscritti per un totale di venti persone, questo era il numero massimo concesso dal formatore per il successo dell’iniziativa e che consentisse un coinvolgimento totale da parte di tutti i partecipanti.

Il relatore d’eccezione è stato Leonardo Milani, psicologo, docente di psicologia del benessere, Ordine degli Psicologi dell’Emilia Romagna, nonché Mental Trainer della Pattuglia Acrobatica Italiana: Le Frecce Tricolori.
Milani sperimenta il volo acrobatico sui velivoli della Pattuglia con lo scopo di realizzare tecniche di gestione delle energie e dello stress operativo. Questa due giorni fa parte di un percorso formativo promosso dal Presidente dei Giovani Imprenditori, Gian Guido Riva, e condiviso dal Consiglio stesso, volto ad approfondire tematiche, dare nuove opportunità e strumenti ai Giovani di Unindustria Bologna e rafforzare e consolidare il Gruppo stesso.
I due giorni hanno permesso di creare i presupposti per lo sviluppo delle abilità personali consone a trasformare un gruppo in un team di lavoro efficace e affiatato attraverso strumenti concreti. Durante il corso sono stati formati alcuni gruppi che hanno lavorato insieme al fine di estrapolare le reali motivazioni e il valore di un lavoro in sintonia con gli altri, interagendo proprio in modo corretto con gli altri e stimolando il processo di auto miglioramento per “saper essere”, favorendo la comunicazione in un lavoro di squadra.

Questi gli obiettivi specifici:

  • Identificare i modi e le funzioni psicologiche in un team di lavoro per rafforzare la coesione interpersonale.
  • lavorare in funzione di un obiettivo di gruppo e non in funzione di obiettivi individuali
  • ragionare in termini di risultato di gruppo

Sono quindi stati sviscerati gli elementi indispensabili per una squadra motivata ed efficace, effettuando anche alcune esercitazioni in sottogruppi composti da 3/4 persone che hanno poi condiviso insieme agli altri le proprie considerazioni, uniformando un pensiero comune: le caratteristiche da sviluppare per ottenere un team a elevata performance, di briefing per pianificare eventi e il debriefing per analizzare le problematiche e orientare le energie verso l’eccellenza,
Molto interessante è stato lo studio sulla comunicazione delle critiche senza ferire l’altro interlocutore, ci sono stati poi forniti importanti strumenti per “gestire” i permalosi. Abbiamo compreso la modalità che permette di costruire un feed- back costruttivo e la gestione di un lavoro di gruppo capace di ottenere soluzioni efficaci.

Di grande impatto è stato il test per l’autovalutazione sugli stili della leadership. Il test è stato creato dal Prof. Milani con lo scopo di evidenziare la reazione dell’individuo di fronte a situazioni particolari, dove la diversità di risposta caratterizza la tipologia di compiti che possiamo svolgere con efficacia, in questo preciso momento, e la nostra attitudine a un ruolo piuttosto che a un altro. Alcuni di noi hanno evidenziato profili assolutamente equilibrati e armonici, altri una troppa disponibilità, altri ancora un’eccessiva aggressività, oppure poca tolleranza o la difficoltà nella gestione di un conflitto. gli obiettivi e i valori condivisi, il team di lavoro e il processo decisionale. Abbiamo poi evidenziato l’importanza delle riunioni che facilitano performance, il concetto Altro tema fondamentale è stato la gestione dello stress e quindi come poter raggiungere uno stato di rilassamento anche in situazioni di elevato stress: come rendere il rilassamento automatico e farlo funzionare in pochi minuti.
Particolarmente interessante è stata la tecnica illustrata e “provata” insieme, da parte di tutto il gruppo, nel recuperare le energie velocemente: è stata fatta una vera e propria simulazione della tecnica di recupero delle energie delle Frecce Tricolori che permette loro di recuperare tre ore di sonno profondo in pochi minuti. Meraviglioso è il reale senso di rilassamento percepito in maniera comune anche se più o meno rapidamente dai vari componenti del gruppo.
Sono state, infine, affrontate le tematiche legate alla capacità di tenuta psicologica in una situazione di stress emotivo, la conoscenza dei sintomi che ci avvisano di uno stato di stress eccessivo e quindi i processi di risoluzione dei conflitti, il senso di appartenenza ad un team e le’ motivazioni/aspettative personali l’autodiagnosi sul proprio ruolo e sulle funzioni professionali all’interno di un team!.

di Viero Negri – tratto da Futuro, supplemento di Fare n. 18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.